@Re_Censo #490 TOPOLINO 3448

TOPOLINO
3448

@Re_Censo #490 TOPOLINO 3448

Oggi parliamo del numero 3448! Iniziamo!

@Re_Censo #490 TOPOLINO 3448

Storie e Sceneggiature

Il Bianco e il Nero, terzo episodio
Storia di: Marco Nucci
Disegni di: Andrea Castellan
Topolino porta avanti le indagini, nonostante la polizia si sia arresa alle minacce di Macchia Nera. Mentre infatti il carcere viene aperto e i prigionieri rilasciati, Topolino viene recuperato da Pippo in mezzo alla neve e inizia a riflettere. Usando un escamotage narrativo, raggiunge la verità da scopre e lo riprendiamo poi nel momento in cui è lui stesso a minacciare Macchia Nera, mettendolo agli arresti e rivelando così le sue vere intenzioni e la realtà dei fatti che, di lì a poco, gli avrebbero dato ragione. La storia mantiene il sapore del mistero che abbiamo assaporato già nell’episodio precedente, ma qui trova una velocità molto più frenetica con la quale raggiunge così la sua conclusione, saltando quasi senza continuità al mostrare prove dei fatti, senza realmente averle in precedenza viste. Insomma, anche questa volta, se la cantano e se la suonando un po’ da soli, il che attenua il mistero, facendogli perdere tutta la sua potenza e fascino. Nel suo insieme è una storia che vale veramente tanto.

Paperino, Battista e Miss Paperett in: l’Anniversario misterioso
Storia di: Francesco Vacca
Disegni di: Valerio Held
Questo secondo episodio apre una piccola finestra sul passato di Paperone, in un’occasione assai particolare, perché ogni anno Miss Paperett, Battista e Paperino si rendono conto che Paperone scompare per un’intera giornata. Così decidono di inseguirlo, accampando ognuno di loro una teoria strampalata sul perché una volta all’anno il loro principale se ne stia nascosto e isolato. Una storia, una vicenda, molto romantica, delicata e particolare, che ci apre sul personaggio di Paperone, mostrandocelo con una profondità, un sentimento e una passione che vanno completamente contro quello che è il suo carattere ordinario; una storia che, in pieno stile natalizio, ci mostra come anche i cuori così freddi, in realtà, sotto sotto, sono bollenti di passione e amore.

A Chtistmas Coot – ep. 1 e 2
Storia di: Marco Nucci
Disegni di: Paolo Mottura
La storia in questione è in realtà divisa in due parti, che troviamo entrambe in questo numero del Topolino. Nonna Papera sta preparandosi al cenone della Vigilia di Natale, ma riceve sconfortanti notizie, perché i suoi parenti danno tutti quanti buca a causa di un intralcio stradale e di vari impegni. Un po’ riprendendo i fantasmi del Natale Passato, Presente e Futuro di un adattamento visto già in passato, Nonna Papera viene coinvolta dallo spirito dei suoi antenati in visioni sempre più drammatiche e struggenti sul festeggiamento di questo importante giorno in solitudine. La storia viene spezzata a metà nel momento in cui la papera farà i conti con l’infelicità dei nipoti in uno dei probabili futuri, aumentando così la tensione narrativa fino alla seconda parte, nella quale, sospinta dal terrore di veder svanire il legame della propria famiglia, si rimbocca le maniche per ritornare alla normalità. Con una conclusione e un finale diversi da quanto abbiamo visto in precedenza e con un pizzico di originalità in più, è sicuramente una nota nostalgica incredibile, in un momento nel quale anche noi, per festeggiare il Natale, vista la situazione attuale, abbiamo dovuto fare delle scelte alquanto sofferte.

Paperinik in missione Natale
Storia di: Marco Nucci
Disegni di: Paolo Mottura
Anche l’ultima storia è dedicata al Natale e vede stavolta come protagonista un elfo di Babbo Natale, che decide di vivere l’ebbrezza di un viaggio in slitta, rubandola a Babbo Natale stesso e mettendosi così, inevitabilmente, nei guai. Ad aiutarlo è Paperino sotto le spoglie di Paperinik. Nonostante la vicenda sia alquanto frettolosa, riesce comunque a presentarci tutti i personaggi nel loro tipico stile e caratteristiche, rimanendo così fedeli a se stessi anche in una storia che ha protagonisti completamente diversi dall’ordinario, trasportandoci così in un ambiente molto natalizio e allo stesso tempo tenerissimo.

Disegni e stile

Copertina stupenda, fantastica, carichissima di tutto lo spirito natalizio tipico del mondo Disney, presentataci stavolta in uno stile che ricorda molto Barks e le copertine illustrate a olio di un tempo, su uno sfondo glitterato e metallizzato, veramente meraviglioso.

Il bianco e nero, nel suo disegno, non cambia rispetto a quanto abbiamo già visto nella puntata precedente, ha infatti una linea alquanto presente, molto morbida tipica di Casty, che ci presenta così dei personaggi molto più piccolini e rotondetti e delle scene che ci riportano a un sapore molto più vintage, sia per l’impaginazione, che per l’impostazione nelle tavole, creando così quella concretezza che dà forza al sapore misterioso della vicenda, al tempo stesso cupa e coinvolgente.

– Il disegno sulla vicenda di Paperone è alquanto vintage, presentandoci personaggi con delle fattezze molto poco attenti alle proporzioni, proprio come accadeva in passato. La linea però riesce comunque a renderci dei volumi tali da mostrarci i personaggi ben caratterizzati l’uno dall’altro. La colorazione, così semplice, in combinazione con la linea pulita e la poca disponibilità di dettaglio, rendono la lettura della vicenda molto rapida e nello stesso tempo veramente coinvolgente.

– La bellezza della storia sul Natale di Nonna Papera passa anche attraverso il disegno offerto da Mottura, che è ravvisabile già solo dalla prima tavola del primo episodio. Ritroviamo infatti la sua caratteristica linea alquanto presente, che crea personaggi dalle forme e proporzioni più mature, come avviene anche per gli sfondi, caratteristici, quasi filmici, che con poche linee riescono a passarci molti dettagli. La colorazione e l’uso del tratteggio aumentano il volume dei personaggi, la loro concretezza, sottolineando il pathos e la tensione di alcune scene molto drammatiche e cariche così di enfasi.

– Il disegno ci è offerto da Bigarella che torna con la sua linea a fare meraviglie. Questa infatti è alquanto sottile, molto dinamica, non solo nel tratto, ma anche nella forma che le viene data, quindi nei suoi spessori. Ha uno stile molto fresco, pulito e moderno. Attenendosi però alle proporzioni tradizionali dei personaggi, li incasella in scene molto più dinamiche e quasi iconiche, costruite in una tavola dal layout molto più moderno, che apre piccole finestre su scenari molto di impatto, sia visivo che emotivo, raccontandosi così, con poche linee e un bel tratteggio, tutto lo spirito natalizio.

Vi aspetto nei commenti qui sotto, ditemi cosa ne pensate! E se la puntata vi è piaciuta, ricordate di mettete mi piace e di condividerla con i vostri amici e se ancora non vi siete iscritti, cliccate il pulsante e la campanella a lato!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter, ma mi trovate anche su Periscope, Instragram e Telegram!
Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube!
Ogni lunedì alle 14 e ogni venerdì alle 16, due nuove puntate!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare nuove storie e a volare nel mondo della fantasia!

Re_Censo

Pubblicato da Re_Censo

Re_Censo è un nome inventato, gestito, prodotto e presentato da "OIRAD Studio d'Arte Grafica di Piedimonte Dario". Format di videorecensioni di libri, fumetti, manga, anime, film e telefilm.

Lascia un commento