@Re_Censo #488 TOPOLINO 3451

TOPOLINO
3451

@Re_Censo #488 TOPOLINO 3451

Oggi parliamo del numero 3451! Iniziamo!

@Re_Censo #488 TOPOLINO 3451

Storie e Sceneggiature

Brigitta, Amelia e l’alleanza disastrosa, ep. 1
Storia di: Silvia Ziche
Disegni di: Silvia Ziche
Una nuova vicenda si apre per Paperone che, gabbando Amelia e Brigitta, si vede catapultato in una strana legge del contrappasso. Stavolta infatti, sono proprio le due papere ad allearsi. In realtà non è la prima volta che lo fanno, ma stavolta a farla ancor più da padrone è il senso pratico del ricco papero, capace di rigirare a suo vantaggio ogni situazione, anche la più …pruriginosa. È solo il primo episodio, staremo a vedere, ma la Ziche ha creato tutti i presupposti per giocarsi al meglio le proprie carte.

Il viaggio del Pippon-Tiki – In mezzo al Nulla, ep. 2
Storia di: Sergio Cabella
Disegni di: Ivan Bigarella
L’avventura in mezzo all’oceano continua e sulla zattera Pippon-Tiki le difficoltà si succedono con una rapidità incredibile e tutte sono superate in pochissime vignette, il tempo di uno schiocco di dita. Al fare sopra le righe, esagitato e canzonatorio della sgarrupata ciurma, si inserisce la sensazione di fondo di non saper cosa raccontare, saltando da una cosa all’altra, senza mai arrivare al sodo. Solo l’ultima difficoltà sembra la più insormontabile, tanto da lasciare il finale aperto, in attesa della puntata successiva. Sarò fuori target, ma non l’ho apprezzata.

Qui, Quo, Qua e il disaccordo musicale
Storia di: Thomas Schrøder
Disegni di: Marco Rota
Piccola e brevissima finestra che si apre, in uno stile narrativo vintage, sul quotidiano di Qui, Quo, Qua che ricevono un lettore musicale e iniziano a litigare dopo un’apparente pace coordinata. Paperino sembra averci visto giusto con la gara e con un aiuto esterno, ma purtroppo non è così. Un piccolo ritratto su un giorno litigioso, che ha una conclusione veramente classica, come classico è il disegno che vediamo dopo.

Cronache degli Antichi Regni – Capitolo III Nel fuoco e nel ghiaccio
Storia di: Alessandro Sisti
Disegni di: Francesco D’Ippolito
L’avventura in questo mondo immaginario governato dagli elementi continua e vediamo come ai tre regni finora incontrati, sembra aggiungersene un quarto che nessuno sospettava esserci, infittendo di mistero l’intera vicenda. Questo impianto narrativo è bello corposo e trova una sua nicchia in una narrazione molto fantasy, quasi steampunk e saltando da un gruppo e regno all’altro, approfondisce le tematiche sociali, politiche e di conflitto, seppur in maniera molto rapida e forse fin troppo scattante, tanto da non riuscire a respirare, in questa folle corsa.

Zio Paperon e la minaccia alla Calisota Valley
Storia di: Fausto Vitaliano
Disegni di: Graziano Barbaro
Storia molto semplice, quasi ripetitiva, inizialmente, nella quale sono presentati Paperone e Rockerduck come imprenditori di punta della Calisota Valley, sempre alla ricerca dell’ultimo ritrovato tecnologico e digitale. Il nemico che salta fuori richiama un po’ il modo di fare di Mister Vertigo, ma poi sfrutta la tematica della cyber security in modo troppo semplicistico, come troppo semplice è il modo col quale il personaggio inizialmente più silenzioso sale alla ribalta col suo stratagemma risolutivo. Insomma, una vicenda interessante, ma trattata troppo in rapidità, che avrebbe di certo meritato un approccio più maturo e coinvolgente.

Disegni e stile

A breve distanza dal recupero ultimo, torna una copertina con protagonisti Paperone e Amelia. La presenza di Brigitta spezza quella che altrimenti era una monotonia, in una illustrazione molto più dinamica e approfondita della precedente, con uno stile decisamente diverso.

-Similmente a quanto ha preparato nella storia, la Ziche ripropone il suo disegno nello stile unico che la contraddistingue. Non è un disegno classico, ma molto personale, con una linea sottile e morbida che crea i personaggi con proporzioni morbide, dinamiche, giocando come sempre sulla resa delle loro espressioni. Particolare e interessante è l’impaginazione delle vignette, che rispettano una gabbia ben rigida, con incasellamenti stabili per tutta la vicenda, che però non stancano la lettura, grazie ai continui cambi di inquadrature.

-A dispetto della storia sulla Pippon-Tiki, il disegno è il vero piatto forte, veramente fresco, bello, genuino. Torna infatti Bigarella con la sua linea moderna, molto sottile e che crea dei volumi molto interessanti, che prendono più importanza grazie alla scelta delle inquadrature, incastonate in vignette alquanto cinematografiche, per l’effetto reso. Belli i colori, le ombre che aiutano le forme a fuoriuscire e nonostante siano poche le linee, i dettagli riescono comunque a risaltare.

-La vicenda sul lettore di Qui, Quo, Qua, prende dalla narrazione anche il suo stile così vintage. Infatti la linea torna a essere molto sottile, semplice e morbida, poco attenta alle regole sulle proporzioni attuali, ma che delinea comunque delle belle figure. Più interessante ancora dell’impaginazione, veramente vintage, è il colore e le combinazioni semplici e basilari che prende, come anche lo stile dato ad Archimede, segno ancora più evidente della retrospettiva dello stile.

-Per gli Antichi Regni troviamo un disegno molto moderno, con una linea modulare nello spessore, che crea dei volumi molto interessanti, accentuati dalla posa, come dalle inquadrature, ma anche dal colore e dalle ombre. Interessanti le personalizzazioni date ai personaggi, come a oggetti, strumenti e luoghi, che prendono un aspetto medievaleggiante, ma fantasy steampunk. Vi sono davvero pochi elementi, che però rendono molto bene i dettagli e le scene, alle volte, sono rese con quella narrazione fluida di una inquadratura subitanea all’altra, in una fusione di immagini che è rappresentativo dello stile cinematografico moderno che già abbiamo visto in passato.

-Il disegno della Calisota Valley sembra quasi un ibrido. Ha una linea che, nel tratto, ricorda qualcosa di vagamente retrò, come se stessimo ai primordi del disegno digitale. Eppure riesce a creare delle figure molto interessanti, spigolose, ma coerenti e mature. Elementi che non sempre sono state costanti, macchiandosi di tratteggi e di dettagli sempre più semplificati, resi proprio come se il disegno fosse fatto col pennino.

Vi aspetto nei commenti qui sotto, ditemi cosa ne pensate! E se la puntata vi è piaciuta, ricordate di mettete mi piace e di condividerla con i vostri amici e se ancora non vi siete iscritti, cliccate il pulsante e la campanella a lato!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter, ma mi trovate anche su Periscope, Instragram e Telegram!
Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube!
Ogni lunedì alle 14 e ogni venerdì alle 16, due nuove puntate!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare nuove storie e a volare nel mondo della fantasia!

Re_Censo

Pubblicato da Re_Censo

Re_Censo è un nome inventato, gestito, prodotto e presentato da "OIRAD Studio d'Arte Grafica di Piedimonte Dario". Format di videorecensioni di libri, fumetti, manga, anime, film e telefilm.

Lascia un commento