@Re_Censo #389 TOPOLINO 3395

TOPOLINO
3395

@Re_Censo #389 TOPOLINO 3395

Oggi parliamo del numero 3395! Iniziamo!

@Re_Censo #389 TOPOLINO 3395

Storie e Sceneggiature

Topolino e le Piccole verità del Natale
Storia di: Marco Nucci
Disegni di: Fabrizio Petrossi
In questo episodio assistiamo al cambio del Sindaco di Topolinia. Quello nuovo invita i suoi concittadini a prepararsi al Natale scambiandosi osservazioni sincere. Tutto questo attiva un meccanismo che ben conosciamo, perché molto prevedibile, che inizia a mettere l’uno contro l’altro i vari personaggi. La storia, alquanto breve, sembra anche un po’ arrancare, però per fortuna si interrompe prima che inizi a stancare il lettore, diventando più che un primo tempo quasi un prologo.

Gamba e i lucciconi di Natale
Storia di: Giuseppe Zironi
Disegni di: Giuseppe Zironi
La storia che vede per protagonista Gambadilegno sembra quasi uscita da un tipico film natalizio americano. Infatti Pietro Gambadilegno è in carcere e ha dei piani ben precisi per uscirne e riacquistare la libertà, ma come succede nei film, una serie di eventi e circostanze modificherà i suoi piani, presentandoci il personaggio sotto una luce più bonaria e di sicuro atipica rispetto a quello a cui siamo abituati vedere. Nonostante questo e nonostante un finale forse troppo zuccherino, la storia è leggibile e bella da seguire.

Zio Paperone e l’energia sentimentale
Storia di: Marco Rota
Disegni di: Marco Rota
Questa storia mi ricorda molto quella dei tre fantasmi del Natale di Dickens. Protagonista è proprio Paperone che deve di nuovo misurare il suo cuore di pietra con la magia del Natale, mostrandoci alla fine di questa avventura carica di pathos e di passione, che dietro la scorza dura del suo cuore ne batte uno carico d’amore. Un po’ per i rimandi alle storie classiche del Natale, un po’ per questo pizzico di fantascienza che viene inserito, mi è sembrato di leggere anche qualche piccolo riferimento a E.T. l’extra-terrestre e la cosa mi ha fatto anche più piacere.

Zio Paperone e il fantomatico ipergigacolossaliardo
Storia di: Giorgio Fontana
Disegni di: Nicola Tosolini
La ricerca di Paperone per ampliare la sua ricchezza lo porta a dover cercare la consulenza di un esperto matematico per coniare sempre nuovi nomi per poter nominare e contare quanti soldi ha. Questa volta però, neanche Pico De Paperis è all’altezza del compito e Paperone deve rifarsi a un team di esperti. La storia è avvincente, anche se la narrazione sia davvero semplice, ma il punto è proprio questo, cioè con poco creare qualcosa di molto intrigante, soprattutto se condito e ritmato dalla semplicità di Paperino e dai modi burberi di Paperone.

Filo&Brigitta e i Tesori di Serie B: Il Tosaerba di Attila
Storia di: Roberto Gagnor
Disegni di: Nico Picone
Quest’ultima puntata vede tornare il duo Brigitta e Filo che partono per l’ennesima avventura alla caccia dei tesori di Serie B e questa volta lo faranno seguendo antichi resoconti storici riguardanti Attila, basando la loro ricerca sulla fama che l’Unno aveva, ricordando il detto che “dove camminava lui non cresceva più l’erba“. Ovviamente, non possono mancare Lusky e Rockerduck che daranno loro del filo da torcere, alla ricerca dello stesso impareggiabile tesoro, ma alla fine, come sempre, nonostante la narrazione sia molto serrata e abbia quasi il sapore di una gara automobilistica tipica di Cartoon Network di “Hanna & Barbera“, a spuntarla sarà sempre Paperone.

Disegni e stile

-Rimanendo fedele allo stile utilizzato nei numeri precedenti su Vertigo, la linea della prima storia rimane molto più moderna, proprio per il suo spessore, quasi da staccare i personaggi dagli sfondi, ma questo non significa che la linea di sfondo sia più sottile anzi, rimane comunque presente. Ciò che mi fa sempre un po’ storcere il naso è il modo con il quale, soprattutto Minnie e Topolino, vengono raffigurati e nel caso di Topolino stesso, noto una deformazione nella resa delle espressione del viso e delle sue caratteristiche fisionomiche che non mi fa fare i salti di gioia.

– Il disegno che troviamo nella storia su Gambadilegno si discosta da quello morbido e tradizionale disneyano, infatti la linea diventa più graffiante, nonostante mantenga un tratto modulare negli spessori e sicuramente meno morbida, più spigolosa tanto che anche le espressioni dei personaggi, le loro pose nelle vignette, si impongono in modo più dinamico rispetto al disegno tradizionale. Nonostante non sia il genere che più mi piace, questo disegno va comunque in combo con il personaggio protagonista, percui risulta essere facile chiudere un occhio.

– Come è vintage la storia sul Natale di Paperone, così lo è anche il disegno che ha una linea molto sottile, che delinea i personaggi con fisionomie e colori veramente d’altri tempi. Anche l’impaginazione delle vignette è ben diversa da quella attuale, infatti queste diventano più piccole e aumentano di numero seguendo una gabbia che tutt’oggi è veramente cosa raga vedere. Le vignette diventano molto semplici, perdono gli sfondi e altre sono invece più particolareggiate e piene di dettagli.

– A differenza dei disegni precedenti, quello su zio Paperone è molto più moderno, non solo nella resa delle proporzione dei personaggi, ma anche per la linea con la quale vengono disegnati, decisamente più ammiccante alle nuove generazioni, e al tipo di inquadrature. A favorire questa deformazione dei personaggi sono soprattutto quelli secondari che vengono personalizzati in modo molto buffo e divertente.

-Il disegno dei tesori di Serie B lo trovo particolarmente interessante, perché la linea è molto sottile, molto morbida e soprattutto riesce, proprio per la particolarità con la quale è tracciata, a far uscire dagli sfondi e dalle vignette i personaggi, mostrandoceli al meglio di sé stessi. Eppure nonostante questo, anche gli sfondi, che alle volte sono molto semplificati, raccontano molto di sé e devo dire la verità, la mucca Ermenegarda è semplicemente spettacolare.

Vi aspetto nei commenti qui sotto, ditemi cosa ne pensate! E se la puntata vi è piaciuta, ricordate di mettete mi piace e di condividerla con i vostri amici e se ancora non vi siete iscritti, cliccate il pulsante e la campanella a lato!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter, ma mi trovate anche su Periscope, Instragram e Telegram!
Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube!
Ogni lunedì alle 14 e ogni venerdì alle 16, due nuove puntate!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare nuove storie e a volare nel mondo della fantasia!

Re_Censo

Pubblicato da Re_Censo

Re_Censo è un nome inventato, gestito, prodotto e presentato da "OIRAD Studio d'Arte Grafica di Piedimonte Dario". Format di videorecensioni di libri, fumetti, manga, anime, film e telefilm.

Lascia un commento