@Re_Censo #363 Persone Normali | #LASETTADEILIBRI

The Danish Girl
#LASETTADEILIBRI

Oggi torniamo a vestire i panni della Setta dei Libri per la lettura di settembre 2020. Iniziamo!

@Re_Censo #363 Persone Normali | #LASETTADEILIBRI

Il libro di cui parliamo oggi è “Persone Normali“, decimo libro de La Setta dei Libri, è scritto da Sally Rooney, per Einaudi, 2019. Costo di 11€.

@Re_Censo #363 Persone Normali | #LASETTADEILIBRI

Sally Rooney, è nata nel 1991 in Irlanda ed è una scrittrice che vive e lavora a Dublino. Di lei sappiamo che si è laureata al Trinity College, dove poi collocherà i suoi personaggi, e si autodefinisce una Marxista.
Prima di lavorare come scrittrice, il suo impiego era nell’amministrazione di un ristorante.
Il suo primo libro è “Parlarne tra amici”, del 2017, che la fa etichettare come la “Salinger della generazione di Snapchat”.

L’anno successivo porta in stampa il libro di cui parliamo oggi, che è poi stato adattato in una serie tv da dodici puntate, prodotta dalla BBC Three e Hulu. Cosa che accadrà anche al suo primo racconto, prossimamente.

Il romanzo che vediamo oggi, è quindi Persone Normali, questo libricino che a primo impatto mi ha destabilizzato già a partire dal modo col quale è scritto, ma ne parliamo più avanti.
La vicenda è quella di due giovani ragazzi, provenienti da estrazioni sociali, economiche e da mondi completamente all’opposto, agli estremi l’uno dall’altro.

Marianne, figlia di una famiglia ricca e benestante e Connell figlio di una ragazza madre troppo giovane che, per sostenersi, fa le pulizie in casa della famiglia di Marianne. Entrambi frequentano la stessa classe nello stesso liceo e sembrano due rette parallele, destinate a non incontrarsi mai.

Ma qualcosa scatta nell’introversa, chiusa, silenziosa, fredda Marianne, e altrettanto  nel popolare, estroverso, ammirato e apprezzato Connell e i due iniziano una danza che immagino simile a quella che due Galassie fanno quando iniziano ad attrarsi tra loro, pronte a collidere, ma tra le derive gravitazionali e le forze magnetiche, gravitano attorno l’una all’altra, perdendo pezzi e le proprie fattezze, prima di riuscire a diventare una cosa sola.

Acquista qui il fumetto n.1 in Kindle col mio link affiliato!
Acquista qui il fumetto n.1 cartaceo col mio link affiliato!

Acquista qui il fumetto n.2 in Kindle col mio link affiliato!
Acquista qui il fumetto n.2 cartaceo col mio link affiliato!

Ed è un po’ quello che accade qui.
Siamo all’ultimo anno, tutti stanno preparandosi alle loro vite future, la scelta delle università e delle professioni. E mentre i due ragazzi si esplorano fisicamente, qualcosa inizia a grattare anche nelle loro coscienze.  Ma allo stesso tempo, tutto il non risolto del loro passato torna a galla, proprio quando, ormai lontani il più possibile da casa e dalle loro radici, in un continuo tira e molla e di cose che li hanno fatti cambiare, sembrano sempre più destinati a non stare assieme.

Devo essere sincero, la storia mi ha colpito molto.
Sono proprio due persone normali, non hanno nulla di particolare, neanche la loro intelligenza e dedizione allo studio, li rende diversi, se non il motivo per cui studiano, leggono e si confrontano.

Sono anonimamente uguali alla massa di studenti che li circonda, con cui mangiano, studiano e vivono.

Connell con le insicurezze delle sue origini e della sua ristrettezza economica, Marianne con tutti i problemi di violenza che ha subito dal padre e poi dal fratello e che continua a ricercare nelle relazioni, in un continuo stato di remissione e sudditanza.

Ma è proprio nella crudezza e normalità delle loro vite, che possiamo avvicinarci a loro, a non vederli irraggiungibili, ma anzi a portata di mano. Sconvolgentemente veri. Nel leggere il libro infatti, non possiamo esimerci dal litigare con loro quando fanno le scelte più sbagliate, proprio come farebbe un amico con una coppia in difficoltà, o di gioire ed emozionarsi dei loro successi, spaventarsi e rabbrividire per ciò che accade loro.

@Re_Censo #363 Persone Normali | #LASETTADEILIBRI

Ciò che forse ci distingue e che può darci anzi spunto e strumenti di riflessione, è il coraggio che vedo uscire dalle loro vite normali, il coraggio di rifarsi ad una psicologa o di riuscire a capire che una relazione è ormai tossica, di spezzare il circolo vizioso che sta annullando la propria vita e identità, volontà.

Prendere posizione, sul piacere e non piacere di questi due personaggi, per me è difficile, ma trovo più importante invece, farmi trascinare dal loro vissuto e prendere ciò che condividono nell’arco di 4, 5 anni, qui raccontati. Entrare in contatto con loro, empatizzare con le loro vite, sofferenze e gioie.
Ad aiutare in questo processo, come dicevo all’inizio, sicuramente c’è la scrittura. Superato lo scoglio di una impostazione visuale differente, scevra di elementi grafici che indicano il parlato diretto dei personaggi, e di qualunque costrutto e arzigogolìo particolare, la giovane Rooney ci trascina nel flusso degli eventi in un presente costante, frammentato da un flusso continuo di ricordi e di flashback che approfondiscono i personaggi, ci mostrano retrospettive e i motivi di alcune scelte e, soprattutto, ci regala dei salti temporali e dei cambi drastici di scena, che formano un ritmo narrativo incalzante, serrato, fresco, mai noioso, a riprova del fatto che c’è vita e ritmo anche in vite apparentemente normali e, tragicamente, piatte. Piatte almeno all’apparenza, perché il viaggio dei due protagonisti è all’interno di loro stessi ed è particolarmente silenzioso.

Per me è stato una bella sorpresa, certo forse non la ripeterei spesso, ma è come volersi immergere in un lago ghiacciato. Provare un brivido, di piacere o di sofferenza, per poter dire di averne fatto esperienza. E credo che Persone Normali questo voglia farci fare. Un tuffo nello spaccato delle vite di due giovani e normalissimi ragazzi che, lontanissimi tra loro, si incontrano accidentalmente, iniziano a roteare tra loro in maniera non chiara, apparentemente dannosa per entrambi, per poi collidere, urtare, farsi male, mollarsi, riprendersi, allontanarsi e scoprire di volersi ancora.

Acquista qui il fumetto n.1 in Kindle col mio link affiliato!
Acquista qui il fumetto n.1 cartaceo col mio link affiliato!

Acquista qui il fumetto n.2 in Kindle col mio link affiliato!
Acquista qui il fumetto n.2 cartaceo col mio link affiliato!

Unica postilla che mi ha fatto un po’ storcere il naso, nel personaggio di Marianne, è il fatto che si veda come una sottomessa, in perenne necessità di obbedienza e remissione, di dipendenza.
Il vuoto che ha dentro, non si risolve, ma la tiene ancorata a Connell perché da lui sente una vita più piena e che, anche senza di lei, per lui funzioni all’esterno.

Fa parte sicuramente della normalità e sicuramente Connell non è perfetto, stralunato, sempre sulle sue. Ma mi lascia un po’ perplesso la scelta di voler creare un personaggio femminile così “danneggiato”, così succube, da parte di una scrittrice donna, che non ne approfitta per delinearne invece una ragazza forte, sicura di se, come ormai è moda fare per combattere le differenze uomo/donna.
Eppure c’è realmente qualcosa di insano in Marianne che solo con Connell si placa e riesce a evolvere solo nel rapporto con lui. Come si dice, si ritorna sempre dove si è stati bene. No?

Ciò non significa, assolutamente, che finalmente assieme i due superino le loro sofferenze, colmino i loro abissi e smettano di essere persone normali, anzi questo racconto è proprio l’esaltazione moderata di vite normali e normalmente vissute, con le gelosie, i timori, le gioie e le paure che tutti possiamo provare.

Questa vicinanza, unita alla semplicità narrativa e alla prosa così fluida e vivida della Rooney, rende Persone Normali un libro molto interessante, introspettivo e in un certo senso appassionante, nella misura in cui riusciamo a carpire un po’ di noi stessi attraverso le vite di Marianne e Connell.

Voi avete letto questo libro? Siete riusciti a vedere anche il telefilm? Se si, ditemi la vostra, cosa pensate dei protagonisti, quali sono i personaggi preferiti, le occasioni mancate che più vi hanno fatto reagire e in che modo sono riuscite a pizzicarvi! E se anche voi vi sentite persone normali, ditemi il perché e il come! Ditemelo nei commenti qui sotto, io vi aspetto con impazienza!

Acquista qui il fumetto n.1 in Kindle col mio link affiliato!
Acquista qui il fumetto n.1 cartaceo col mio link affiliato!

Acquista qui il fumetto n.2 in Kindle col mio link affiliato!
Acquista qui il fumetto n.2 cartaceo col mio link affiliato!

Vi ringrazio per la visualizzazione e aver passato del tempo assieme. E se la puntata vi è piaciuta, ricordate di mettete mi piace e di condividerla con i vostri amici e se ancora non vi siete iscritti, cliccate il pulsante e la campanella a lato!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter e Google Plus, ma mi trovate anche su Periscope, Instragram e Telegram! Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube! Ogni venerdì alle 16, una nuova puntata!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare nuove storie e a volare nel mondo della fantasia!

Re_Censo

Pubblicato da Re_Censo

Re_Censo è un nome inventato, gestito, prodotto e presentato da "OIRAD Studio d'Arte Grafica di Piedimonte Dario". Format di videorecensioni di libri, fumetti, manga, anime, film e telefilm.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x