@Re_Censo #307 TOPOLINO 3350

TOPOLINO
3350

Oggi parliamo del numero 3350! Iniziamo!

Topolino e la questione di Galateo
Storia di: Marco Nucci
Disegni di: Davide Cesarello
Un ladro dai modi sopraffini si aggira per Topolinia, derubando una banca dietro l’altra. Neanche i tentativi di Rock Sassi e Manetta servono a nulla, se non ad aiutare il ladro gentiluomo. Ma poi arriva Topolino con un’idea pronta a rivoluzionare tutto.
La storia è molto ben congegnata, organica, forse la soluzione di Topolino è troppo rapidamente descritta, ma per il resto funziona benissimo e il fatto che la voce del ladro sia raffigurata col minuscolo nei baloon, è un indizio fondamentale.
Anche il disegno è particolare, con linee di contorno molto presenti che alle volte staccano con violenza i personaggi dagli sfondi, che al tempo stesso sono ben parchi di dettagli.

Paperoga e il cervellone di famiglia
Storia di: Enrico Faccini
Disegni di: Enrico Faccini
Seguendo lo strampalato pensiero di Paperoga, questa volta è convinto di essere il parente di uno studioso di grande fama e deve a tutti i costi presentarsi e conoscerlo di persona. Ovviamente nel modo strampalato e caotico del personaggio, nel farlo semina caos e distruzione ovunque.
In linea con il fare di Paperoga, anche la storia si presenta con un ritmo incredibilmente fresco, genuino, una comicità trascinante, aiutata anche dalla resa del disegno di un Faccini che sembra strizzare l’occhio a qualcosa di vintage nella costruzione delle scene e dei personaggi, pur mantenendo il suo stile più moderno e morbido.
Un po’ strana la fisionomia del parente misterioso, soprattutto la testa, a metà tra Rockerduck e Paperoga.

Donald Quest – Hero Tales, il suono della battaglia
Soggetto di: Stefano Ambrosio
Storia di: Chantal Pericoli
Disegni di: Ciro Cangialosi
Piccolo prologo sulla nuova serie di Donald Quest e ritroviamo il protagonista in difficoltà, perché apparentemente i poteri che lo avrebbero reso eletto dei Beastbuster sono scomparsi. Nel frattempo una minaccia torna a imperversare in Feudarnia, all’insaputa del nostro eroe.
Come al solito, la trama vuole essere profonda e piena di dettagli, già a partire dai nomi delle fazioni, ma risulta sempre avere un ritmo troppo sbrigativo e che rende difficile familiarizzare con i tutta la mitologia creata.
Stesso problema si incontra nel disegno, molto americano nell’impaginazione, che così risulta libera e caotica. Apprezzo invece molto il colore, a dispetto delle proporzioni e armonie dei personaggi.

I Corti di Paperino – Cuor di Leone
Storia di: Vito Stabile
Disegni di: Giuseppe Facciotto
Storia poco originale, ma molto funzionale e divertente.
Questa volta Paperino deve fare da babysitter alle nipoti Emy, Ely, Evy che gli daranno del filo da torcere. Scene divertentissime, ritmo trascinante e disegno molto pulito, dinamico e pieno di dettagli.

Pippo&COps – incontro… con irruzione
Storia di: Gabriele Panini
Disegni di: Maurizio Amendola
Pippo è al nuovo supermercato, ma questo è circondato dalla polizia a causa di un pericoloso criminale. Seguendo la personalità stralunata di Pippo, questi vi incapperà suo malgrado.
Storia brevissima, senza gran senso, con un disegno classico e semplice, come la storia, senza nulla pretendere.

Zio Paperone in: diamoci un taglio!
Storia di: Giorgio Fontana
Disegni di: Alessandro Gottardo
Altra storia breve nella quale Paperoga dà sfoggio delle sue qualità con l’ennesimo corso. In realtà in questa veste lo abbiamo visto davvero poco fa, ma questa volta è proprio Paperone a dover sfruttare il nuovo diploma del nipote combinaguai. Tutto pur di risparmiare! Purtroppo, non sempre la pubblicità è l’anima del commercio e Paperone ne pagherà le conseguenze.
Storia divertentissima, fresca e al tempo stesso con un ritmo incalzante.
Anche il disegno è bello da vedere, classico, morbido, molto pulito, con i personaggi in primo piano e gli sfondi a degradare di dettagli e colorazione. Meravigliose le loro espressioni.

YOUNG INDIANA – Meta finale
Storia di: Bruno Sarda
Disegni di: Marco Palazzi
Storia praticamente sconclusionata e senza senso, nella quale Indiana trova un indizio sulla spia, becca il responsabile per puro caso, saltato lì senza alcun pregresso e in più partecipa ad una partita di football americano, giungendo alla conclusione che è pronto per le piramidi, quando due numeri fa l’archeologia lo annoiava.
Non so… sul disegno, nulla di nuovo da aggiungere a quanto detto sinora.

TOP&FLOP!

Prima volta nella quale trovo un Topolino da ben sette storie! Incredibile.
Purtroppo però, non tutte si dimostrano all’altezza.
Young Indiana è sconclusionata, Pippo&COps è talmente breve che non ha senso, Donald Quest, anche se è un prologo, è per me troppo confusionaria.
Ma per fortuna abbiamo storie, e quindi anche disegni, che meritano moltissimo, come Topolino e la questione di Galateo, Paperoga e il cervellone di famiglia, I Corti di Paperino – Cuor di Leone e Zio Paperone in: diamoci un taglio!
Preferisco quei numeri con poche storie, ma approfondite, non buttate lì, e valorizzate da disegni davvero belli da vedere, che quindi abbiano il giusto spazio e opportunità di esser visti.

Ditemi il vostro parere su questo numero del Topolino nei commenti qui sotto e se la puntata vi è piaciuta, ricordate di mettete mi piace e di condividerla con i vostri amici e se ancora non vi siete iscritti, cliccate il pulsante e la campanella a lato!

Vi ringrazio per la visualizzazione e aver passato del tempo assieme!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter, su Periscope, Instragram e Telegram!
Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube!
Ogni lunedì alle 14, una nuova puntata!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare un nuovo Topolino e a volare nel mondo della fantasia Disney!

Re_Censo

Re_Censo

Pubblicato da Re_Censo

Re_Censo è un nome inventato, gestito, prodotto e presentato da "OIRAD Studio d'Arte Grafica di Piedimonte Dario". Format di videorecensioni di libri, fumetti, manga, anime, film e telefilm.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate me!