@Re_Censo #416 TOPOLINO 3399

TOPOLINO
3399

@Re_Censo #416 TOPOLINO 3399

Oggi parliamo del numero 3399! Iniziamo!

@Re_Censo #416 TOPOLINO 3399

Storie e Sceneggiature

Le Strabilianti Imprese di Fantomius, Ladro Gentiluomo – Ep. 1 L’Inizio e la Fine
Storia di: Marco Gervasio
Disegni di: Marco Gervasio
Il primo episodio di questo numero è dedicato alla nuova avventura di Fantomius, partita già con la preview del precedente. Vediamo come Copernico abbia scoperto dell’arrivo di Senape e del suo viaggio nel futuro. Fantomius così decide di partire per portare indietro la ladra. La storia è veramente molto lineare, ma quello che della narrazione mi piace di più è il continuo salto dei punti di vista, tra quelli di Senape e di Fantomius stesso, che così rinfrescano molto la narrazione.

Zio Paperone e la Gazzella del Nord
Storia di: Vito Stabile
Disegni di: Marco Rota
In questo episodio d’altri tempi, incrociamo una nuova avventura di Paperon De Paperoni che, a causa di una scommessa fatta in giovane età ai tempi del Klondike, si ritrova ora nei guai e i guai pretendono tutte le sue ricchezze. La storia è evidentemente dal sapore vintage, soprattutto per il disegno che vediamo dopo, ma anche per il tipo di narrazione. Molto posato, molto tranquillo, con una conclusione che si raggiunge quasi nell’immediatezza e che crea un alone di mistero che però subito viene alla luce, ma allo stesso tempo la lettura è veramente godibile.

Gastone e l’Hotel di Ghiaccio
Storia di: Bruno Sarda
Disegni di: Massimo Fecchi

Questa storia vede come protagonisti Paperino, Paperoga e Gastone che apparentemente sembra essere messo da parte dalla sua amata Dea Bendata, eppure gli viene ceduto gratuitamente un albergo di ghiaccio, nel quale un famoso registra e il suo cast, deve girare un costoso Colossal. Anche se la storia ha dei ritmi particolarmente incalzanti e allo stesso tempo semplici, degni delle narrazioni di fine anni ’70 e ’80 a tema spionistico, c’è qualcosa in questa storia che non riesco a identificare, che la fa tendere perennemente a qualcosa di più moderno, probabilmente sarà il disegno che andremo a vedere dopo.

Pluto e l’equivoco felino
Storia di: Monica Manzoni
Disegni di: Luca Bonardi
Questa storia breve vede Pluto come protagonista, che quasi spia Topolino al telefono e Topolino sembra passare dall’idea di volersi liberare di lui, alla ricerca invece di qualcuno che se ne prenda cura in sua assenza. La verità dei fatti è completamente diversa e Pluto non ha la minima idea di quello a cui andrà incontro. Storia molto carina, nonostante il fatto che sia breve, ha un intreccio davvero molto trascinante e interessante.

Paperi Mestieri&Guai – L’ultima consegna
Storia di: Gabriele Panini
Disegni di: Maurizio Amendola
Quest’altra storia è veramente molto breve e vede di nuovo protagonisti Paperino e Paperoga, nel loro incarico come fattorini per Paperone e questa volta devono destreggiarsi fra le strade trafficate di Paperopoli, con un furgone anteguerra pieno di di problemi, tanto da arrivare quasi per caso, un capitombolo dopo l’altro, all’ultima consegna. Anche in questo caso, il finale è veramente divertente.

Topolino Le Origini – Il Segreto del Museo
Storia di: Giorgio Fontana
Disegni di: Ottavio Panaro
L’ultima storia che troviamo ci fa indagare ancora una volta sulle origini di Topolino, sul come e il perché sia il personaggio che tutti quanti conosciamo. Questa volta incrocerà i passi, per la prima volta, nel fare le sue interviste al giornale, di Zapotec e Marlin, senza rendersi però conto di cosa i due gli nascondono. La storia è veramente molto intrigante, soprattutto mantiene molto alto il mistero sulla macchina del tempo, fino proprio all’ultima vignetta, cosa che crea un grande mistero e rende storia per niente scontata.

Disegni e stile

-Il disegno di Gervasio per Fantomius, come sempre, è bellissimo, soprattutto per l’ambientazione degli anni ’30, resa con questo colore un po’ desaturato e seppia, in contrasto invece con i colori belli carichi e potenti della Paperopoli del futuro. In questa contrapposizione ovviamente troviamo sempre la linea di questo disegnatore molto morbida e particolarmente accattivante.

-La storia di zio Paperone e la gazzella del Nord ha tutto il sapore di quelle storie d’altri tempi a partire proprio dal disegno. Un disegno molto classico, semplice e sicuramente le fattezze dei personaggi sono quelle dei primi stili di disegno Disneyano, con la linea che non ha giochi di spessore. Anche le fisionomie sono molto più liquide e deformi rispetto invece ai canoni attuali. La scansione in vignette è uno degli altri elementi, assieme al tratteggio, a farci intuire il sapore vintage della storia.

-Il disegno della storia sull’hotel di ghiaccio è particolare, perché se inizialmente i personaggi sono delineati e tratteggiati con una linea che non ha varietà di spessori, infilandoli così in uno stile più vintage, man mano che si va avanti il disegno prende vita e dinamismo, soprattutto a partire da questa linea che inizia a essere più moderna e persino le espressioni di Paperino e Paperoga sembrano acquistare più profondità.

-Disegno davvero semplice, quello sulla storia di Pluto, con una linea decisamente più presente rispetto alle storie precedenti. Purtroppo in questo caso Topolino non è azzeccato a se stesso in nessuna delle scene in cui è ritratto, facendogli così perdere le sue naturali fattezze e la sua bellezza. Disegno veramente molto semplice, privo di chissà quali grandi dettagli e con proporzioni decisamente strambe.

-Per il disegno sulle consegne di Paperino e Paperoga, sicuramente è molto moderno, anche se tenta di scimmiottare qualcosa di più vintage, ma lo fa con una linea molto presente e alle volte per niente morbida, soprattutto per le fisionomie, ad esempio il becco di Paperoga si riduce a un foglio molto sottile. Anche il modo con il quale sono rese le proporzioni dei personaggi e le loro anatomia, fa ben pensare a un qualcosa molto vintage.

-Il disegno sulle origini di Topolino è affascinante, perché nonostante abbia una linea molto più moderna e un taglio più dinamico sia nelle inquadrature che nelle pose dei personaggi, con questa linea così presente si riesce a rendere al meglio le proporzioni dei personaggi, non allontanandoli così da quelle classiche, eppure nonostante questo, Topolino risulta sempre complicato da rendere al meglio di sé, anche se in questo disegno siano stati fatti passi da gigante.

Vi aspetto nei commenti qui sotto, ditemi cosa ne pensate! E se la puntata vi è piaciuta, ricordate di mettete mi piace e di condividerla con i vostri amici e se ancora non vi siete iscritti, cliccate il pulsante e la campanella a lato!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter, ma mi trovate anche su Periscope, Instragram e Telegram!
Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube!
Ogni lunedì alle 14 e ogni venerdì alle 16, due nuove puntate!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare nuove storie e a volare nel mondo della fantasia!

Re_Censo

Pubblicato da Re_Censo

Re_Censo è un nome inventato, gestito, prodotto e presentato da "OIRAD Studio d'Arte Grafica di Piedimonte Dario". Format di videorecensioni di libri, fumetti, manga, anime, film e telefilm.

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x