@Re_Censo #274 TOPOLINO 3333

TOPOLINO
3333

Oggi parliamo del numero 3333! Iniziamo!

Paperinik e la disfida di Villa Rosa pt.2
Storia di: Marco Gervasio
Disegni di: Lorenzo Pastrovicchio
Nei panni di Paperinik, Paperino si impossessa dei biglietti della lotteria sia Rockerduck che Paperone, così da salvare il segreto di Villa Rosa. Purtroppo la fortuna di Gastone continua a metterlo nei guai e dovrà assolutamente aguzzare l’ingegno per precedere e prevenire le mosse del vincitore, giocando d’astuzia. Anche se troppo sbrigativo, lo stratagemma usato per giungere alla fine è godibilissimo.
Punto positivo per il disegno, che prosegue nello stile della prima parte e devo dire che è davvero interessante vedere la 313 di colore nero con tanto di X sulla targa!

Topolino e il condominio dei fantasmi
Storia di: Pietro B. Zemelo
Disegni di: Luca Usai
Topolino è al commissariato e annusa un caso interessante: un uomo dice di avere sette fantasmi nel condominio. Il numero sette si ripresenta più volte in questa faccenda e Topolino, assieme a Pippo e ad un terrorizzato Paperino inizia le indagini. L’unico che mantiene la calma e una ostinata indifferenza è proprio Pippo. Sembra di esser catapultati in una puntata di Scooby Doo, manca davvero la Macchina del Mistero, una storia davvero godibile e trascinante, soprattutto perché ogni personaggio si rapporta in modo diverso con la faccenda.
Il disegno è molto interessante, mantiene le anatomie e le proporzioni classiche, ma con un tratto e uno stile più moderno e digitale, riuscendo a creare al contempo ambientazioni, scenari e sfondi carichi di dettagli.

Zio Paperone e il tesoro 3333
Storia di: Fabio Michelini
Disegni di: Donald Soffritti
Paperone ha acquistato una famosa tenuta il cui proprietario aveva il pallino del numero tre e aveva nascosto un tesoro mai ritrovato. Ovviamente con se ha portato anche i nipoti Paperino, Qui, Quo e Qua in quella che sembra una vera caccia al tesoro. Purtroppo il famoso fiuto per l’oro di Paperone sembra fare cilecca, nascondendogli fino all’ultimo la realtà dei fatti.
Storia molto divertente, avventurosa seppur breve, con un disegno degno di nota, per lo stile del tratto e l’uso stupefacente del tratteggio che crea forti contrasti, ombre drammatiche e profondità negli ambienti.

Gambadilegno e il mago del crimine
Storia di: Alessandro Mainardi
Disegni di: Ottavio Panaro
Depresso per i continui errori, Gambadilegno è spinto da Trudy a scoprire i sistemi ingegnosi di un suo lontano parente. Pietro se ne interessa talmente tanto da riuscire, da quel momento in poi, in ogni sua impresa, tanto che neanche la polizia riesce a cavarci nulla.
Il disegno è molto semplice, linee chiare e uno stile che rende giustizia ad entrambi i protagonisti, creando vignette che si alternano talmente bene da dare un ritmo alla narrazione che ci cattura.

I corti di Paperino – un piccolo grattacapo
Storia di: Vito Stabile
Disegni di: Luciano Gatto
Torna il magnifico Luciano Gatto, in una storia breve nella quale Paperoga inizia un gioco con uno scorbutico e per niente partecipe Paperino che però è costretto a continuare la sfida, neanche il cugino gli avesse lanciato una maledizione addosso. Per tanta gente che incontra, purtroppo non riesce a liberarsi di questo tarlo che gli rode il cervello.
La storia, purtroppo breve, è divertentissima e al contempo riesce a mettere in agitazione chi legge. Io ho iniziato a sentire il bisogno di grattarmi la testa.
Disegno… e che ve lo dico a fare! Splendido, magnifico, classico e pulito.

Qui, Quo, Qua – La realtà troppo reale
Storia di: Gabriele Panini
Disegni di: Claudio Sciarrone
Strano episodio nel quale i tre fratellini incontrano un loro amico per una sessione di giochi digitali e si ritrovano, un po’ come i Digimon, catapultati nel mondo del videogioco, costretti a dover affrontare il fatidico boss del livello in cui sono bloccati.
La vicenda è interessante, anche ben presentata, ma ha due pecche: la solita conclusione affrettata e il disegno troppo scuro. Già l’effetto 8bit spixellato, sfoca tutto, poi si avvicina a degli sfondi neri… peccato, perché la linea moderna, quasi nuova, rinfresca i personaggi e li rende più maturi.

TOP&FLOP!

Un numero che mi ha sorpreso in positivo, finalmente. Per la prima volta, da tempo, non posso segnalare alcun disegno che non mi sia piaciuto, anche se sottolineo ancora la resa così scura di Qui, Quo, Qua – la realtà troppo reale, ma per il resto, sarà Luciano Gatto nei Corti di Paperino, o la storia di Zio Paperone e il tesoro 3333, o Paperinik, disegni davvero belli da guardare che quasi fermano la lettura dei baloon per essere apprezzati.

Al contempo, siccome anche le storie sono molto interessanti, non posso segnalare nessuna che non mi piaccia, mi dispiace solo che si creino sempre delle belle premesse e poi le storie vengano sforbiciate e accorciate senza dar tempo di approfondirle un minimo.

Aspetto di sapere il vostro pensiero al riguardo nei commenti qui sotto e se la puntata vi è piaciuta, ricordate di mettete mi piace e di condividerla con i vostri amici e se ancora non vi siete iscritti, cliccate il pulsante e la campanella a lato!

Vi ringrazio per la visualizzazione e aver passato del tempo assieme!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter, su Periscope, Instragram e Telegram!
Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube!
Ogni lunedì alle 14, una nuova puntata!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare un nuovo Topolino e a volare nel mondo della fantasia Disney!

Re_Censo

Precedente @Re_Censo #273 Breaking Bad Successivo @Re_Censo #275 Cosa vedere ad Halloween? Consigli pratici! 2019

Lascia un commento