@Re_Censo #115 Stranger Things | Stagione 1

STRANGER THINGS
Stagione 1

Carissimi Recensiani, rieccoci qui per una nuova puntata! 
Io sono Dario e questa è Re_Censo, la videorubrica di libri, fumetti, manga, film e telefilm prodotta dal mio studio di grafica OIRAD.
Iscrivetevi al canale, se ancora non lo avete fatto e attivate la campanella!

E ora che sono nel sottosopra (e non sottomondo!), prima che arrivi il Demogorgone, iniziamo!

Hawkings, fittizia cittadina dell’Indiana, vede accadere una serie di strani avvenimenti. Protagonisti sono quattro ragazzini di dodici anni che vivono negli anni ’80, immergendosi in lunghe sessioni di D&D, andando già allora controcorrente rispetto ai loro coetanei e, per questo, bullizzati.
La storia entra subito nel vivo, quando uno di questi ragazzini, Will Byers, viene rapito e misteriosamente scompare e al contempo appare un’altra ragazzina, molto strana, che si imbatte nel gruppetto, Mike, Dustin e Lucas. Il suo nome è Undici.
Grande successo di pubblico, tutti ne parlano e Netflix gioisce per la grande pubblicità che la serie le fa ottenere e, immagino, per la lunga serie di nuovi abbonamenti che le arrivano.

Si, ma perché?

La risposta può essere quanto più semplice e anche, forse, banale.
I registi e scrittori
Perché Stranger Things è una serie moderna, con tutti i pro che ne derivano sul lato tecnologico degli effetti speciali. E sono forse proprio questi, con tanto di cappello per i giovani interpreti, a farne una serie con i fiocchi, proprio perché abbatte il punto negativo d’eccellenza che hanno le storie fantascientifiche ed eroistiche, mettiamola così, degli anni 80 e giù di lì!
Appunto, eliminando una resa ancora acerba degli effetti speciali dell’epoca, e facendo vivere la scena negli anni ’80, con tanto di teorie complottiste e un sapiente dosaggio di citazioni ad altre opere da nerd, sparse qua e la per tutto il telefilm, lancia l’amo a noi nostalgici. Un po’ come avevano tentato di fare con VISITORS, che ancora non mi capacito del perché è stata cancellata quella magnifica serie con Morena Baccarin.

Credo che quindi il segreto sia tutto qui!
E anche se sembra da poco, non lo è per niente! Perché, come dicevo prima, questo revival del genere fantascientifico, con il coraggio di presentarlo nel passato e non nel futuro come ormai tutti fanno, si unisce alla capacità assodata del giovane cast che quasi oscura il meno giovane, a parità di presenza sullo schermo.
È questa, una storia che intreccia due tipi di indagini, quella dei nostri nerd in fasce, e degli adulti, fino a giungere al nodo che le unisce e fa giungere alla verità della vicenda.

Ma, ragazzi, credetemi, l’atmosfera diventa calda, accogliente, familiare nel momento in cui, Mike, Wil, Dustin e Lucas si uniscono e giocano, passeggiano, si confrontano con il loro insegnante di scienze… un quartetto che funziona benissimo non solo come cast di attori, ma come personaggi scritti e viventi sulla scena! Ognuno di loro ha un suo perché, un suo modo di essere e di dare vita e vitalità al gruppo: quasi mi pento di non aver avuto un gruppo di amici così affiatato!
Per non parlare della capacità di Undici, o meglio Millie Bobby Brown, un viso fresco, espressioni genuine e un ruolo particolare che l’ha resa cara a tanti di noi, a me sicuramente.
Qui ogni personaggio ha un suo background ben studiato, e per di più una crescita e fanno tutti parte di una tensione narrativa che non riesce a non coinvolgere.
Tensione che è tenuta e portata avanti dalla prima puntata all’ultima, l’ottava e, seppur sono stanco di vedere serie tv di così breve durata, forse in questo caso è meglio così, visto che non credo sarebbero riusciti a tendere ancora la corda.

Anche se la serie è stata già trasmessa, non ho voluto raccontarvi nulla della storia in se. Anche se all’inizio ho citato il Demogorgone, introdotto sin dalle prime scene e portato ad una evoluzione che i ragazzi di certo non si sarebbero aspettati,  e qui non vi spiego chi sia. Ma vi aspetto nei commenti per parlarne di più e più approfonditamente!
La seconda stagione è disponibile ora su Netflix, quindi se i signori Netflix vogliono regalarmi l’abbonamento o invitarmi a qualche evento, la mia agenda si libererà facilmente!

Benissimo, direi che, prima che mi lascio scappare qualcosa in più, posso concludere qui!
Vi aspetto nei commenti e vi ringrazio per la visualizzazione!

Se il video vi è piaciuto, cliccate il mi piace qui sotto!
Durante il week end ho acquistato il dominio, come suggerito dai Recensiani del Salotto, re-censo.it che sostituisce quello di altervista! Quindi mi trovate anche lissù!

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter e Google Plus, ma mi trovate anche su Periscope, Instragram e Telegram! Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube! Ogni venerdì alle 16, una nuova puntata!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare nuove storie e a volare nel mondo della fantasia!

Re_Censo

Pubblicato da Re_Censo

Re_Censo è un nome inventato, gestito, prodotto e presentato da "OIRAD Studio d'Arte Grafica di Piedimonte Dario". Format di videorecensioni di libri, fumetti, manga, anime, film e telefilm.

Lascia un commento