Addio Andrea Camilleri, padre del Commissario Montalbano

Nato nel lontano 1925 a Porto Empedocle, Agrigento, Sicilia, il 6 settembre, Andrea Camilleri era figlio unico.

Dalla fine degli anni ’40 alla fine degli anni ’60 ha vissuto a Roma, per poi spostarsi in Toscana, divenendo, il 26 settembre 2014, cittadino onorario di Bagnolo, il borgo toscano che lo ha ospitato.

In questi anni lavora come regista teatrale e si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia a Palermo, senza conseguire la laurea.
Nel 1945 si iscrive al Partito Comunista Italiano.

Dal 1949 al 1952 è all’Accademia nazionale d’arte drammatica, unico allievo regista, periodo nel quale stringe amicizia con molti e poi importanti e famosi attori del tempo, Vannucchi, Graziosi, Sperlì.
Nello stesso periodo, dal ’45 al ’50, le sue poesie furono pubblicate in una antologia curata da Giuseppe Ungaretti.

Nel 1945 partecipa ad un concorso RAI, ma riesce ad essere assunto solo nel 1957, anno nel quale sposa Rosetta Dello Siesto, dalla quale avrà le sue tre figlie.

Dal 1958 al 1965 lo vediamo insegnante al Centro sperimentale di cinematografia di Roma e dal 1977 al 1997 è titolare della cattedra di regia all’Accademia nazionale d’arte drammatica.

Nel 1978 esordisce come scrittore, con il suo primo libro di narrativa, Il corso delle cose e nel 1980 pubblica con Garzanti Un filo di fumo, il primo dei suoi scritti ad essere ambientato nell’immaginaria cittadina sicula, Vigata, tra il 1800 e il 1900.

Dopo dodici anni di silenzio, torna nelle librerie, 1992, con pubblicazioni successive: La stagione della caccia, La bolla di componenda, e nel 1994 pubblica La forma dell’acqua, il suo primo romanzo poliziesco che segna la nascita del Commissario Montalbano.

Diventa autore di successo; i suoi libri vendono in media 60.000 copie, eppure la critica non è unanime del dargli consenso.

A cavallo con la fine del ‘900 e l’inizio degli anni 2000, scoppia il fenomeno Camilleri e i suoi libri, Il birraio di Preston, La concessione del telefono e La mossa del cavallo vanno a ruba.

Inizia anche la trasposizione del suo personaggio Montalbano, in serie televisiva, decretandone il successo grazie anche all’interpretazione di Luca Zingaretti.

Dopo la Sellerio Editore, dal 2010 le sue opere sono ospitate anche dalla Minimum Fax, dalla Mondadori, Rizzoli,  sfornando, praticamente, un libro ogni due anni e nel 2011 vince il Premio Fondazione il Campiello.

Camilleri è quindi tradotto in 120 lingue ( tra cui inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, irlandese, russo, polacco, greco, ungherese, giapponese, ebraico), vendendo più di 10 milioni di copie.

Dall’età di 91 anni, Camilleri ha dovuto smettere di scrivere con le sue mani, a causa della cecità, imparando a scrivere per interposta persona, tramite il dettato. Così scrive e pubblica il suo centesimo libro, L’altro capo del filo, a maggio del 2016, sempre su Montalbano, del quale ha già decretato la fine nel 2006 quando ha consegnato il manoscritto alla Sellerio, perché lo pubblicasse dopo la propria morte.
Ha detto infatti lo scrittore:

«Ho scritto la fine dieci anni fa… ho trovato la soluzione che mi piaceva e l’ho scritta di getto, non si sa mai se poi arriva l’Alzheimer. Ecco, temendo l’Alzheimer ho preferito scrivere subito il finale. La cosa che mi fa più sorridere è quando sento che il manoscritto è custodito nella cassaforte dell’editore… È semplicemente conservato in un cassetto.»

Camilleri è da sempre una figura di riferimento nella letteratura italiana e non solo.
Faro di morale, memoria di un tempo passato di cui ha sempre visto con preoccupazione il ritorno nelle vicende attuali della politica e della situazione sociale italiana, Andrea Camilleri è stato trasposto nel mondo del fumetto nel numero 2994 del Topolino.

Nella storia del 16 aprile 2013, Topolino e la promessa del gatto, Topolino aiuta il Commissario Salvo Topalbano e Camilleri stesso viene trasformato nello stile disneyano nel Signor Patò dallo stesso Giorgio Cavazzano, sui testi dello sceneggiatore Francesco Artibani.

Il 17 giugno 2019, Camilleri, di primissima mattina è ricoverato all’Ospedale Santo Spirito di Roma per un arresto cardiorespiratorio. Le condizioni critiche, la prognosi riservata, viene portato in rianimazione.
Seppur dalla tempra forte, come il suo carattere, Andrea Camilleri combatte nell’incoscienza per un mese intero, sfidando a duello la morte, su un palcoscenico, quello mediatico, che nulla ha a che fare con il palcoscenico che era pronto ad accoglierlo il 15 luglio alle Antiche Terme di Caracalla con lo spettacolo Autodifesa di Caino, che non ha mai visto le luci.

Il 17 luglio 2019, Andrea Camilleri muore all’Ospedale Santo Spirito di Roma.

«Se potessi vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio ‘cunto’, passare tra il pubblico con la coppola in mano»

Muore non un personaggio, ma un vero e proprio maestro della cultura e della letteratura italiana. Un personaggio odiato da molti, soprattutto da politici che non hanno mai saputo cogliere il suo senso critico e gli insegnamenti della memoria che tramandava, ma di certo uno scrittore e un artista amato da moltissimi, italiani e non solo, per la profondità del suo ingegno, la capacità della sua penna, la forte Memoria di cui è stato testimone nella sua vita.

Addio Andrea Camilleri.

Mancherai. Come il suono della tua splendida voce.
Mancherai moltissimo.

I suoi libri [elenco prelevato da Wikipedia]:

I teatri stabili in Italia (1898-1918), Bologna, Cappelli, 1959.
Il corso delle cose, Poggibonsi, Lalli, 1978.
Un filo di fumo, Milano, Garzanti, 1980.
La strage dimenticata, Palermo, Sellerio, 1984.
La stagione della caccia, Palermo, Sellerio, 1992.
La bolla di componenda, Palermo, Sellerio, 1993.
Il birraio di Preston, Palermo, Sellerio, 1995. ISBN 88-389-1098-7.
Il gioco della mosca, Palermo, Sellerio, 1995. ISBN 88-389-1193-2.
La concessione del telefono, Palermo, Sellerio, 1998. ISBN 88-389-1344-7. (Premio Società dei Lettori, Lucca-Roma)
La mossa del cavallo, Milano, Rizzoli, 1999. ISBN 88-17-86083-2.
La scomparsa di Patò, Milano, A. Mondadori, 2000. ISBN 88-04-48412-8.
Biografia del figlio cambiato, Milano, Rizzoli, 2000. ISBN 88-17-86612-1.
Favole del tramonto, Roma, Edizioni dell’Altana, 2000. ISBN 88-86772-22-X.
Racconti quotidiani, Pistoia, Libreria dell’Orso, 2001. ISBN 88-900411-4-5.
Gocce di Sicilia, Roma, Edizioni dell’Altana, 2001. ISBN 88-86772-08-4. (racconti)
Il re di Girgenti, Palermo, Sellerio, 2001. ISBN 88-389-1668-3.
Le parole raccontate. Piccolo dizionario dei termini teatrali, Milano, Rizzoli, 2001. ISBN 88-17-86888-4.
L’ombrello di Noè. Memorie e conversazioni sul teatro, Milano, Rizzoli, 2002. ISBN 88-17-87011-0.
La linea della palma. Saverio Lodato fa raccontare Andrea Camilleri, Milano, Rizzoli, 2002. ISBN 88-17-87050-1.
Le inchieste del commissario Collura, Pistoia, Libreria dell’Orso, 2002. ISBN 88-7415-002-4.
La presa di Macallè, Palermo, Sellerio, 2003. ISBN 88-389-1896-1.
Teatro, con Giuseppe Dipasquale, Siracusa, Lombardi, 2003. ISBN 88-7260-130-4.
Romanzi storici e civili, Milano, A. Mondadori, 2004. ISBN 88-04-51929-0.
Privo di titolo, Palermo, Sellerio, 2005. ISBN 88-389-2030-3.
Il medaglione, Milano, Oscar Mondadori, 2005. ISBN 88-04-55027-9.
Il diavolo. Tentatore. Innamorato, con Jacques Cazotte, Roma, Donzelli, 2005. ISBN 88-7989-960-0.
Troppi equivoci, in Crimini, Torino, Einaudi, 2005. ISBN 88-06-17576-9.
La pensione Eva, Milano, Mondadori, 2006. ISBN 88-04-55434-7.
Vi racconto Montalbano. Interviste, Roma, Datanews, 2006. ISBN 88-7981-302-1.
Pagine scelte di Luigi Pirandello, Milano, BUR, 2007. ISBN 88-17-01488-5.
Il colore del sole, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-56207-8.
Le pecore e il pastore, Palermo, Sellerio, 2007. ISBN 88-389-2203-9.
La novella di Antonello da Palermo. Una novella che non poté entrare nel Decamerone, Napoli, Guida, 2007. ISBN 978-88-6042-260-6.
Voi non sapete. Gli amici, i nemici, la mafia, il mondo nei pizzini di Bernardo Provenzano, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-57511-5.
Maruzza Musumeci, Palermo, Sellerio, 2007. ISBN 88-389-2248-9.
L’occhio e la memoria: Porto Empedocle 1950, con Italo Insolera, Roma, Palombi, 2007. ISBN 978-88-6060-089-9.
Il tailleur grigio, Milano, Mondadori, 2008. ISBN 978-88-04-57355-5.
Il casellante, Palermo, Sellerio, 2008. ISBN 88-389-2302-7.
La Vucciria, Milano, Skira, 2008. ISBN 978-88-6130-515-1.
La muerte de Amalia Sacerdote, traduzione in lingua spagnola di Juan Carlos Gentile Vitale, Barcelona, RBA Libros, 2008. ISBN 978-84-986-7355-5. (II Premio Internacional de Novela Negra RBA 2008)
La tripla vita di Michele Sparacino, Milano, Corriere della Sera, 2008; Milano, Rizzoli, 2009. ISBN 978-88-17-03161-5.
Un sabato, con gli amici, Milano, Mondadori, 2009. ISBN 978-88-04-58613-5.
Il sonaglio, Palermo, Sellerio, 2009. ISBN 88-389-2356-6.
L’uomo è forte, in Articolo 1. Racconti sul lavoro, Palermo, Sellerio, 2009. ISBN 88-389-2384-1.
Il cielo rubato. Dossier Renoir, Milano, Skira, 2009. ISBN 978-88-572-0200-6.
La rizzagliata, Palermo, Sellerio, 2009. ISBN 88-389-2436-8. (originale in lingua italiana de La muerte de Amalia Sacerdote)
Un inverno italiano. Cronache con rabbia 2008-2009, con Saverio Lodato, Milano, Chiarelettere, 2009. ISBN 978-88-6190-088-2.
Un onorevole siciliano. Le interpellanze parlamentari di Leonardo Sciascia, Milano, Bompiani, 2009. ISBN 978-88-452-6351-4.
Troppu trafficu ppi nenti, con Giuseppe Dipasquale, Siracusa, Lombardi, 2009.
Il nipote del Negus, Palermo, Sellerio, 2010. ISBN 88-389-2453-8.
L’intermittenza, Milano, Mondadori, 2010. ISBN 978-88-04-59842-8.
Di testa nostra. Cronache con rabbia 2009-2010, con Saverio Lodato, Milano, Chiarelettere, 2010. ISBN 978-88-6190-119-3.
La moneta di Akragas, Milano, Skira, 2010. ISBN 978-88-572-0741-4.
Gran Circo Taddei e altre storie di Vigàta, Palermo, Sellerio, 2011. ISBN 88-389-2546-1.
La setta degli angeli, Palermo, Sellerio, 2011. ISBN 88-389-2589-5.
La targa, Milano, RCS Quotidiani, 2011.
I fantasmi, Milano, Dieci dicembre, 2011.
Il giudice Surra, in Giudici, Torino, Einaudi, 2011. ISBN 978-88-06-20597-3.
Il diavolo, certamente, Milano, Mondadori, 2012. ISBN 978-88-04-61775-4.
La Regina di Pomerania e altre storie di Vigàta, Palermo, Sellerio, 2012. ISBN 88-389-2641-7.
Dentro il labirinto, Milano, Skira, 2012. ISBN 978-88-572-1228-9.
Il tuttomio, Milano, Mondadori, 2013. ISBN 978-88-04-62455-4.
La rivoluzione della luna, Palermo, Sellerio, 2013. ISBN 88-389-3014-7.
Come la penso. [Alcune cose che ho dentro la testa], Milano, Chiarelettere, 2013. ISBN 978-88-6190-442-2.
Magaria, Milano, Mondadori, 2013. ISBN 978-88-04-63202-3.
La banda Sacco, Palermo, Sellerio, 2013. ISBN 88-389-3107-0.
I racconti di Nené, Milano, Melampo, 2013. ISBN 978-88-89533-99-4.
La creatura del desiderio, Milano, Skira, 2013. ISBN 978-88-572-2189-2.
Inseguendo un’ombra, Palermo, Sellerio, 2014. ISBN 88-389-3169-0.
Donne, Milano, Rizzoli, 2014, ISBN 978-88-17-07719-4.
La relazione, Milano, Mondadori, 2014, ISBN 978-88-04-64954-0.
Il quadro delle meraviglie. Scritti per teatro, radio, musica, cinema, Palermo, Sellerio, 2015, ISBN 88-389-3292-1.
Le vichinghe volanti e altre storie d’amore a Vigàta, Palermo, Sellerio, 2015, ISBN 88-389-3417-7.
La targa, Milano, Rizzoli, 2015, ISBN 978-88-1708-4376.
Certi momenti, Milano, Chiarelettere, 2015, ISBN 978-88-6190-7638.
Noli me tangere, Milano, Mondadori, 2016, ISBN 978-88-0466-1870.
Pinocchio (mal) visto dal Gatto e la Volpe, con Ugo Gregoretti, Firenze, Giunti, 2016.
La cappella di famiglia e altre storie di Vigàta, Palermo, Sellerio, 2016.
I quattro Natali di Tridicino, in Storie di Natale, Palermo, Sellerio, 2016, ISBN 978-88-389-3587-9.
Conversazioni su Tiresia, Palermo, Sellerio, 2019, ISBN 978-88-389-3901-3
Esercizi di memoria, Milano, Rizzoli, 2017, ISBN 978-88-17-09691-1.
Ora dimmi di te. Lettera a Matilda, Milano, Bompiani, 2018, ISBN 978-88-4529-7755.
I tacchini non ringraziano, Disegni di Paolo Canevari, Milano, Rizzoli, 2018, ISBN 978-88-9381-615-1.
La casina di campagna. Tre memorie e un racconto, Milano, Henry Beyle, 2019, ISBN 978-88-3209-406-0.
Km 123, Milano, Mondadori, 2019, ISBN 978-88-0471-637-2.

Serie del Commissario Montalbano

La forma dell’acqua, Palermo, Sellerio, 1994. ISBN 88-389-1017-0.
Il cane di terracotta, Palermo, Sellerio, 1996. ISBN 88-389-1226-2. (Premio Letterario Chianti)
Il ladro di merendine, Palermo, Sellerio, 1996. ISBN 88-389-1319-6.
La voce del violino, Palermo, Sellerio, 1997. ISBN 88-389-1405-2.
Un mese con Montalbano, Milano, Mondadori, 1998. ISBN 88-04-44465-7. (racconti)
Gli arancini di Montalbano, Milano, Mondadori, 1999. ISBN 88-04-46972-2. (racconti)
Quindici giorni con Montalbano, a cura di Antonella Italia e Enrico Saravalle, Milano, A. Mondadori scuola, 1999. ISBN 88-247-1271-1.
La gita a Tindari, Palermo, Sellerio, 2000. ISBN 88-389-1574-1.
L’odore della notte, Palermo, Sellerio, 2001. ISBN 88-389-1729-9.
La paura di Montalbano, Milano, Mondadori, 2002. ISBN 88-04-50694-6. (racconti)
Storie di Montalbano, a cura e con un saggio di Mauro Novelli, Milano, A. Mondadori, 2002. ISBN 88-04-50427-7. (raccolta)
Il giro di boa, Palermo, Sellerio, 2003. ISBN 88-389-1860-0.
La pazienza del ragno, Palermo, Sellerio, 2004. ISBN 88-389-1998-4.
La prima indagine di Montalbano, Milano, Mondadori, 2004. ISBN 88-04-52983-0. (racconti)
La luna di carta, Palermo, Sellerio, 2005. ISBN 88-389-2054-0.
La vampa d’agosto, Palermo, Sellerio, 2006. ISBN 88-389-2144-X.
Le ali della sfinge, Palermo, Sellerio, 2006. ISBN 88-389-2161-X.
La pista di sabbia, Palermo, Sellerio, 2007. ISBN 88-389-2216-0.
Il campo del vasaio, Palermo, Sellerio, 2008. ISBN 88-389-2285-3.
Il commissario Montalbano. Le prime indagini, Palermo, Sellerio, 2008. ISBN 88-389-2329-9. (Contiene: La forma dell’acqua; Il cane di terracotta; Il ladro di merendine)
L’età del dubbio, Palermo, Sellerio, 2008. ISBN 88-389-2333-7.
Racconti di Montalbano, Milano, Oscar Mondadori, 2008. ISBN 978-88-04-58272-4. (raccolta)
La danza del gabbiano, Palermo, Sellerio, 2009. ISBN 88-389-2385-X. (Premio Letterario Cesare Pavese)
Ancora tre indagini per il commissario Montalbano, Palermo, Sellerio, 2009. ISBN 88-389-2420-1. (Contiene: La voce del violino; La gita a Tindari; L’odore della notte)
La caccia al tesoro, Palermo, Sellerio, 2010. ISBN 88-389-2478-3.
Acqua in bocca, con Carlo Lucarelli, Roma, Minimum fax, 2010. ISBN 978-88-7521-278-0.
Il sorriso di Angelica, Palermo, Sellerio, 2010. ISBN 88-389-2528-3.
Il gioco degli specchi, Palermo, Sellerio, 2010. ISBN 88-389-2563-1.
Altri casi per il commissario Montalbano, Palermo, Sellerio, 2011. ISBN 88-389-2599-2. (Contiene: Il giro di boa; La pazienza del ragno; La luna di carta)
Una lama di luce, Palermo, Sellerio, 2012. ISBN 88-389-2705-7.
Una voce di notte, Palermo, Sellerio, 2012. ISBN 88-389-2762-6.
Tre indagini a Vigàta, Palermo, Sellerio, 2012. ISBN 88-389-2773-1. (Contiene: La vampa d’agosto; Le ali della sfinge; La pista di sabbia)
Una cena speciale, in Capodanno in giallo, Palermo, Sellerio, 2012. ISBN 88-389-2816-9.
Un covo di vipere, Palermo, Sellerio, 2013. ISBN 88-389-3053-8.
Notte di Ferragosto, in Ferragosto in giallo, Palermo, Sellerio, 2013. ISBN 88-389-3074-0.
La piramide di fango, Palermo, Sellerio, 2014. ISBN 88-389-3191-7.
Morte in mare aperto e altre indagini del giovane Montalbano, Palermo, Sellerio, 2014. ISBN 88-389-3253-0. (raccolta)
La giostra degli scambi, Palermo, Sellerio, 2015. ISBN 88-389-3344-8.
L’altro capo del filo, Palermo, Sellerio, 2016. ISBN 978-88-389-3516-9.
La rete di protezione, Palermo, Sellerio, 2017, ISBN 978-88-38-93655-5;
La calza della befana, in Un anno in giallo, Palermo, Sellerio, 2017.
Il metodo Catalanotti, Palermo, Sellerio, 2018, ISBN 978-88-389-3796-5.
Ventiquattr’ore di ritardo, in Una giornata in giallo, Palermo, Sellerio, 2018.
Il cuoco dell’Alcyon, Palermo, Sellerio, 2019, ISBN 978-88-389-3944-0.
Riccardino (inedito)

Vi ricordo che sono su Facebook, Twitter e Google Plus, ma mi trovate anche su Periscope, Instragram e Telegram! Non dimenticate di sfogliare le altre notizie su www.re-censo.it e di iscrivervi al Canale YouTube! Ogni venerdì alle 16, una nuova puntata!

Sempre qui, sempre su Re_Censo, pronti a sfogliare nuove storie e a volare nel mondo della fantasia!

Re_Censo

Precedente @Re_Censo #208 Un anno con TOPOLINO | 3297 Successivo Addio "Professor Bellavista", ci saluta Luciano De Crescenzo

Lascia un commento